ES_logo

Le opportunità di Ansys per la progettazione e l'innovazione

Pubblicato da Nicola Cafariello il 1 giugno 2022 | 🕓 Tempo di lettura: 7 minuti

Ansys

Il supporto da parte della simulazione virtuale genera i migliori benefici già nella fase embrionale di sviluppo di prodotto; in questa finestra, infatti, tutte le variabili possono essere rielaborate e corrette senza conseguenze sul time to market e sui costi.

Nell’articolo di oggi parleremo delle opportunità del software Ansys, utili per distinguersi in mercati ricchi di competitor.

Perché affidarsi a un software di simulazione Ansys?

Gli strumenti avanzati che analizzano i comportamenti dei prototipi digitali offrono una marcia in più alla progettazione, rendendola fluida e senza barriere.

Di fatto, si genera un flusso di lavoro continuo, ottimizzato e privo di ostacoli dal concept design ai test, fino ad arrivare alla costruzione del modello finito.

Lavorando con questo approccio, si generano imperdibili opportunità per le imprese. Scoprile nel corso di questo articolo: puoi passare all’argomento di tuo interesse cliccando il paragrafo dedicato.

Collegamenti rapidi

I benefici della simulazione per il business

Quando si parla delle opportunità che un software di simulazione può dare, uno degli aspetti più rilevanti riguarda gli effetti sul business. Nel caso dell’integrazione di Ansys, uno strumento accessibile anche alle piccole e medie imprese, questi si concretizzano in tre aspetti:

  • volumi di fatturato
  • prestazioni
  • standard e qualità

Per quanto riguarda i volumi di business, la simulazione permette di ridurre i costi necessari per sostenere tutte le attività ingegneristiche di sviluppo, così come gli investimenti necessari alla costruzione di prototipi fisici.

La simulazione offre un grande contributo anche al raggiungimento di ottime prestazioni, dal momento che permette di esplorare più soluzioni concettuali. Questo consente di studiare scenari, condizioni e ipotesi diverse, raggiungendo quelle migliori sulla base degli obiettivi di sviluppo prefissati.

Soluzioni avanzate come Ansys aiutano a mettere in luce configurazioni e peculiarità specifiche che possono dare al design un carattere unico e innovativo. Al contrario, effettuare analisi di progetto attraverso metodi di analisi tradizionale richiede più tempo e costi per la realizzazione di prototipi fisici.

Infine, anche standard e qualità del prodotto assumono un significato diverso con l’integrazione di software di simulazione nello sviluppo prodotto; lo studio delle variabili matematiche offre una visibilità a 360 gradi sul modello in termini di funzionalità e risposta in un contesto reale. Questo si traduce in un risparmio in termini di costi e nell’incremento dell’efficienza per la realizzazione del prodotto finale.

Gli effetti sul workflow di progetto

Affidandosi a un software di simulazione avanzato come Ansys, si ha modo di supportare l’operatività e la gestione interna del lavoro in modo tangibile e concreto.

Per comprendere meglio in che modo, focalizziamoci su ciò che accade con metodi di analisi tradizionali.

L’ufficio tecnico coinvolto nello sviluppo di un nuovo prodotto si concentra sul design che, una volta definito, deve essere preparato per la prototipazione. A questo punto, intervengono gli analisti e - solo dopo diversi test e rivalutazioni - si può raggiungere la fase finale dello sviluppo di prodotto.

Al contrario, con lo studio di modelli matematici con software di simulazione, si abbrevia il workflow di progetto ampliando le attività in capo ai progettisti. Nell’ambito del design di prodotto, l’analisi comprende una serie di valutazioni simultanee. In questo modo, il modello può essere analizzato e modificato nello stesso momento, fino a trovare la configurazione che meglio risponde agli obiettivi di progettazione.

Com’è possibile simulare il design in modo così rapido?

Le tecnologie di simulazione più avanzate permettono di testare il modello nel suo insieme già in fase di progettazione, riducendo i tempi d’attesa e semplificando notevolmente la post elaborazione. A partire dal progetto verificato in via preliminare, gli analisti possono poi eseguire una simulazione accurata per l’analisi di dettaglio.

È evidente, quindi, come l’ottimizzazione del workflow riduca i tempi, rendendo più rapida ed efficace la fase di design.

Ansys: come migliora la comunicazione tra dipartimenti

Un’altra importante opportunità dell’ambiente virtuale riguarda la comunicazione semplificata tra dipartimenti e analisti.

La suite Ansys permette agli analisti di avere visibilità su tutte le informazioni, comprese quelle relative ai diversi strumenti della stessa suite.

E’ possibile integrare un solo prodotto della famiglia e raggiungere così gli obiettivi di business prefissati; allo stesso modo, può optare per l’integrazione di più tool a seconda delle necessità di progettazione, con la sicurezza di disporre di strumenti che agevolano il flusso di lavoro.

Ecco una panoramica degli strumenti a disposizione di progettisti e ingegneri nei diversi settori industriali.

Ansys CFD è la soluzione ideata per la fluidodinamica computazionale che permette di valutare nuovi design o ottimizzare le prestazioni di quelli già sul mercato. Questo strumento supporta lo sviluppo prodotto, offrendo piena visibilità su dettagli di progettazione, dalle caratteristiche ai malfunzionamenti. I progetti sviluppati con Ansys CFD possono essere esportati e riaperti con strumenti della stessa suite, come Ansys Mechanical - una soluzione indirizzata a ingegneri strutturisti che si occupano di progettazione e calcolo.

Ansys Electronics supporta la progettazione di componenti elettromeccanici ed elettronici tramite la simulazione dei campi elettromagnetici e il calcolo dei parametri prestazionali circuitali e di sistema.

Ansys Materials offre diverse soluzioni per analizzare, controllare e utilizzare in modo strategico i dati sui materiali; si tratta di uno strumento fondamentale per realizzare un prodotto performante, sicuro e duraturo nel tempo.

ansys                                                  Immagine realizzata da Ansys (https://www.ansys.com)

Come abbiamo anticipato, questi prodotti comunicano tra loro in modo immediato e agile. In questo modo, ad esempio, avremo una simulazione meccanica parlante con la simulazione fluidodinamica e, a loro volta, sistemi di analisi della fluidodinamica computazionale comunicanti con il software di simulazione strutturale – questo tenendo conto di un approccio integrato delle soluzioni.

Se la scelta dell’azienda è orientata all’utilizzo di uno strumento specifico di analisi dei comportamenti virtuali del modello, questo si può impiegare in modalità stand alone, cogliendo tutti i benefici offerti dalla soluzione.

Il valore della rapidità nello sviluppo prodotto

Nell’ambito della realizzazione di modelli innovativi - quindi che presentano nuove caratteristiche o sono versioni migliorate di un sistema già creato - lo studio di fattibilità ricopre un ruolo chiave.

Si tratta di una valutazione tecnica ed economica di un’idea di massima preliminare, dai singoli componenti a sistemi articolati e complessi; soprattutto in quest’ultimo caso, la difficoltà a ottenere un’analisi nel concept accurata e precisa può causare un’importante dilatazione dei tempi necessari alla realizzazione effettiva del progetto.

La simulazione e prototipazione virtuale permettono di condurre test di fattibilità su diverse variabili e ipotesi in tempi molto stretti.

A contribuire al raggiungimento di ottimi risultati sono almeno due condizioni:

  • l’accessibilità e fruibilità di strumenti come Ansys, grazie alla semplicità di impostazione dei programmi
  • la possibilità di condurre valutazioni di massima su comportamenti ancora non noti, in una fase molto preliminare del progetto

Ansys permette di applicare la simulazione non solo alla fase finale, quindi di verifica del progetto, ma – ed è questo l’aspetto distintivo – anche al cosiddetto early design. Questo consente di ottimizzare le tempistiche di progettazione, potendo intervenire con correzioni e modifiche significative già nei primi step dello sviluppo prodotto. In particolare, la riduzione del time to market si raggiunge proprio grazie alla creazione di modelli virtuali che possono essere analizzati in modo immediato, senza dover effettuare test fisici. Riducendo il numero di prototipi fisici – e il tempo necessario alla loro costruzione – si velocizza il go to market, uno dei fattori chiave per la competitività.

Simulazione real time: quali sono le opportunità in fase di progettazione

L’innovazione della progettazione passa anche dalla possibilità di simulare la risposta di un sistema in tempo reale; si tratta di un’opportunità che riserva imperdibili benefici, soprattutto se si nutrono dubbi sul problema da affrontare e, di conseguenza, sul tipo di simulazione da applicare.

Cosa distingue una simulazione real time da una tradizionale?

Una aspetto interessante quando si parla di software di simulazione virtuale ha a che fare con gli strumenti aggiuntivi che possono offrire un valore aggiunto alla progettazione.

La simulazione real time può affiancarsi - a seconda delle specifiche necessità - agli strumenti di simulazione tradizionale, in tutti quei contesti in cui ad un’analisi elaborata, si vuole abbinare l’elaborazione dei dati veloce e immediata in fase di progettazione

Può capitare, infatti, che il problema di simulazione sia piuttosto semplice e necessiti di uno strumento che elabori approssimazioni in modo veloce e immediato. Software innovativi consentono interventi di questo tipo perché sono realizzati con sistemi hardware avanzati che puntano alla rapidità e semplicità di utilizzo.

Questo approccio permette di risparmiare tempo quando ci si approccia ad un nuovo progetto, contribuendo in modo significativo alla realizzazione di modelli unici.


EnginSoft supporta anche le piccole e medie imprese con soluzioni su misura per incrementare i livelli di business. Prenota subito una consulenza gratuita con uno dei nostri esperti di simulazione.

New call-to-action

Argomenti: simulazione virtuale, sviluppo prodotto, ansys